Come sono messe le “case popolari” a Dalmine?

Sul territorio di Dalmine sono presenti 298 alloggi dedicati all’edilizia sociale, quelle che in gergo chiamiamo “case popolari”. Qual è lo stato di questi edifici? Chi li gestisce? Quali sono i costi sostenuti dal Comune? Lo abbiamo chiesto all’amministrazione con una interrogazione scritta.

Perché questa interrogazione?

Il diritto alla casa è un valore fondamentale, ed è compito dello Stato cercare di garantirlo a tutti i cittadini. Questa funzione è, nei fatti, portata avanti da diversi attori presenti sul territorio (ad esempio il Comune) e le misure usate possono essere dirette come la messa a disposizione di alloggi o indirette tramite finanziamenti o agevolazioni.

Le nostre domande

Il 26 ottobre 2018 abbiamo presentato una interrogazione a risposta scritta (significa che il Comune ci risponderà via mail e non a voce in Consiglio Comunale).

Nello specifico, vorremmo sapere:

  • Quali sono i soggetti che possiedono e gestiscono gli alloggi dedicati all’edilizia residenziale pubblica (le “case popolari”)
  • Quante abitazioni sono agibili
  • Quante sono occupate attualmente e con che modalità d’affitto
  • Se vi sono abitazioni agibili e non assegnate e quali sono le motivazioni per le quali queste non sono state assegnate
  • Quali sono i costi sostenuti dal Comune nel mantenimento delle abitazioni
  • Quali sono le condizioni strutturali delle case non agibili
  • Quali sono le future intenzioni rispetto alle case non agibili
  • Quante sono le adesioni ai diversi progetti a favore della tutela della casa proposti dall’ufficio dei servizi sociali e quanto incidono tali misure all’interno del bilancio comunale

Leggi l’interrogazione completa a questo indirizzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *