La Porta Nord di Dalmine: l’ennesima colata di cemento

A Dalmine è in arrivo una nuova grande urbanizzazione: dal campo di calcio di Sforzatica alla rotonda dell’Autostrada sorgeranno appartamenti e capannoni. La nostra posizione: fortemente contrari.

Il 30 maggio scorso la Giunta comunale di Dalmine ha adottato all’unanimità la delibera n° 84, riguardante lo “Schema Urbanistico Strategico dell’Ambito di Trasformazione AT02 – La Porta Nord di Dalmine”.

Il progetto

Questo progetto prevede la cementificazione dei terreni adiacenti alla rotonda dell’autostrada, compresi tra la Tangenziale Sud di Bergamo (linea tratteggiata verde), la Provinciale ex SS525 (linea tratteggiata arancione), via Guzzanica e via Vailetta.

Il progetto preliminare

 

Una delle ultime aree verdi del territorio comunale dalminese, già edificato per il 55% secondo i dati ISPRA (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), una percentuale che, a questo punto, siamo legittimati a supporre sarebbe di molto superiore se la gran parte del restante 45% non rientrasse nell’ambito del Parco del Basso Brembo e non fosse dunque tutelata per legge.

In rosso il terreno consumato a Dalmine

Non solo, una delle ultime aree non edificate a garantire una sorta di “stacco” a chi, dirigendosi a Bergamo dalla rotonda di Boltiere lungo la ex525, è ormai accompagnato da una serie anonima e desolante di capannoni che impediscono una qualsiasi distinzione delle varie città, più simili ormai ad una prolungata periferia industriale di Bergamo che a delle cittadine di pianura con una propria identità specifica.

La nostra posizione

Come lista civica Nostra Dalmine non possiamo fare altro che esprimerci in maniera nettamente contraria a questo progetto, in primo luogo perché uno dei punti fondanti del nostro programma era la tutela dell’ambiente e la progressiva adozione di politiche urbanistiche a consumo di suolo zero, in favore delle riqualificazioni di edifici già esistenti, ma dismessi.

Le critiche all’amministrazione

In secondo luogo perché non ci convincono assolutamente le motivazioni addotte in propria difesa dalla presente Amministrazione:

premi sulla frase in grassetto per espandere il testo



L’ipocrisia del centrodestra

Avendo concluso le critiche per la gestione della situazione alla presente Amministrazione di centrosinistra, non possiamo che rivolgere il pensiero ai partiti del centrodestra attuale, tanto pronti nel convertirsi alla causa della difesa dell’ambiente quanto rapidi nel farsi pubblicità sui media come sostenitori dello sviluppo sostenibile. Certo, se con un non indifferente sforzo di astrazione fingessimo di dimenticare che il centrodestra dalminese ha regalato alla città la cementificazione dell’area dove sorge il Bricoman e soprattutto l’inceneritore, potremmo rallegrarci di aver scoperto nuovi alleati nella battaglia per la difesa dell’ambiente, che deve essere il più bipartisan possibile. Le critiche suscitate da Lega Nord e Forza Italia sono mosse da ipocrisia e hanno come unico scopo la propaganda elettorale.

In rosso l’area edificata durante la scorsa amministrazione Lega Nord – Forza Italia

Nell’ordinario servono scelte straordinarie

I tempi in cui viviamo sono complicati: gestire le risorse economiche di un ente locale ed amministrare il bene pubblico è difficile, soprattutto in un periodo di crisi come questo. Di contro, la sfida che ci si pone di fronte, la difesa dell’ambiente in cui viviamo e il passaggio ad un’ottica di sviluppo sostenibile, è straordinaria. Una sfida straordinaria non richiede però necessariamente uomini e donne straordinari per essere vinta, non è necessario scomodare le grandi figure del passato per sperare in un cambiamento. È necessario invece che scelte straordinarie siano prese ogni giorno da chi amministra, con un poco di coraggio, fiducia e lungimiranza in più per garantire un futuro sereno anche a chi, dopo di noi, sarà chiamato a festeggiare i 180° dell’istituzione del Comune unico di Dalmine.

4 commenti su “La Porta Nord di Dalmine: l’ennesima colata di cemento”

  1. Se andiamo avanti su questa strada ,ci ritroveremo a mangiare cemento,colpa della destra o della sinistra o di qualsiasi amministrazione,ricordatevi la natura sta dando già i suoi segnali con dei bei disastri .Smettere di dire eventi eccezionali ,siamo noi uomini che non abbiamo rispetto di niente.Prima o poi arriveremo alla frutta .Questa è solo l’intelligenza del DIO SOLDO

  2. a me non sembra un idea malvagia, si valorizza un’area inutilizzata per fare una nuova parte di città, quei terreni allo sbando non aiutano ne all’estetica che alla praticità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.