Le ultime importanti novità sulla Bergamo-Treviglio

Regione Lombardia ha aperto il bando per trovare il costruttore stanziando 146,6 milioni di fondi covid. Autostrade Bergamasche, la società che si sta occupando della progettazione, ha pubblicato il tracciato. Come Nostra Dalmine siamo sempre stati contrari a quest’opera perché inutile e dannosa per il territorio. — articolo in continuo aggiornamento

Regione Lombardia, poco prima dell’inizio delle vacanze estive 2022, ha dato l’autorizzazione per aprire il bando per la realizzazione dell’autostrada Bergamo-Treviglio.

Tra agosto e settembre 2020, Autostrada Bergamasche ha pubblicato il progetto dell’autostrada chiamata Bergamo-Treviglio, anche se a Bergamo non ci arriverà: partenza tra Treviglio e Cassano. Poi Pontirolo, Ciserano, Verdellino. Infine Levate, Dalmine e l’arrivo a Stezzano. Il costo finale sarà di quasi mezzo miliardo di euro (490 milioni) e Regione Lombardia, il 28 marzo 2022, ha stanziato quasi 150 milioni di soldi pubblici, provenienti dai fondi covid.

Breve storia triste

Inizia tutto nel 2002 quando la Provincia di Bergamo idea il progetto di collegamento tra Bergamo e Treviglio.

Il progetto viene chiamato IPB, Interconnessione Pedemontana BreBeMi. L’idea è di connettere la Brebemi a Treviglio alla Pedemontana a Osio Sotto così da rendere più scorrevole il traffico sulla tratta Bergamo-Treviglio. Il progetto iniziale prevedeva la costruzione di una autostrada (da qui l’altro nome Autostrada Bergamo-Treviglio) a pagamento.

Tutti i 12 comuni dell’area interessata (Boltiere, Casirate d’Adda, Ciserano, Dalmine, Fara Gera d’Adda, Levate, Osio Sopra, Osio Sotto, Pontirolo Nuovo, Stezzano, Treviglio, Verdellino) si oppongono all’opera.

Nel 2011 la Provincia rispolvera il progetto e l’anno successivo il progetto viene approvato dalla maggioranza dei comuni coinvolti (erano cambiati i colori politici delle amministrazioni).

Passa qualche anno e a fine 2015 viene presentato un nuovo progetto: si tratta di una superstrada di 15 chilometri con due corsie per senso di marcia. Non è più previsto il collegamento con la Pedemontana, non ha quindi più senso usare l’acronimo IPB. Il costo dell’opera è di 180 milioni di euro che saranno pagati dai privati costruttori della superstrada.

Le novità del 2020

Tra agosto e settembre 2020, Autostrada Bergamasche pubblica il progetto ed è praticamente quello presentato nel 2012: partenza tra Treviglio e Cassano. Poi Pontirolo, Ciserano, Verdellino. Infine Levate, Dalmine e l’arrivo a Stezzano.

Il nuovo tracciato dell’autostrada Bergamo-Treviglio [Fonte: L’Eco di Bergamo]

Il tratto non sarà più Treviglio-Bergamo ma Treviglio-Stezzano e per raggiungere Bergamo si userà l’autostrada A4 entrando al casello di Dalmine che nel prossimo futuro sarà collegato con la rotonda di Stezzano presso le Due Torri.

Il costo finale sarà di quasi mezzo miliardo di euro (490 milioni). Regione Lombardia ha stanziato 130 milioni di euro nell’ambito del “Piano Marshall” creato per il rilancio post-emergenza Covid. È stata quindi abbandonata l’idea iniziale del “project financing” cioè che l’opera si sarebbe ripagata da sola con i pedaggi.

Vi ricordate le promesse del 2015? Superstrada da 180 milioni interamente pagata dai privati.

Quello presentato da Autostrada Bergamasche è ancora un progetto preliminare.

Una volta approvato da Regione Lombardia e da Concessioni Autostradali Lombarde, il progetto diventerà definitivo e a qual punto i comuni potranno portare le proprie osservazioni (si parla di metà 2022).

Le novità del 2021

Numerosi cittadini dei comuni interessati hanno iniziato ad esporre degli striscioni contro il progetto.

Uno striscione a Sabbio [Fonte: Pagina Facebook Cambiamola]

Le novità del 2022

Il 28 marzo 2022, la giunta regionale ha approvato il finanziamento di 146,4 milioni di euro da destinare alla realizzazione del collegamento stradale Bergamo-Treviglio.

I prossimi passi: il CAL (Concessioni autostradali lombarde) dovrà provvedere alla validazione del progetto.

Come Nostra Dalmine abbiamo chiesto all’Amministrazione di Dalmine di consultare i cittadini e a sollecitare un nuovo piano del traffico sulla tratta, valutando alternative sostenibili alla nuova autostrada. Durante il Consiglio Comunale del 13 aprile, La Lega ha rifiutato le nostra richieste. Questa Amministrazione, probabilmente, teme la consultazione pubblica su questo argomento.

Regione Lombardia, poco prima dell’inizio delle vacanze estive 2022, ha dato l’autorizzazione per aprire il bando per la realizzazione dell’autostrada Bergamo-Treviglio.

Cosa ne pensiamo

Come Nostra Dalmine, lista civica di minoranza con due consiglieri comunali, abbiamo più volte espresso il nostro disaccordo e i nostri dubbi nei confronti di quest’opera che nemmeno secondo gli stessi progettisti iniziali sarà in grado di risolvere i problemi di traffico lungo la principale direttrice nord-sud della Provincia.

Sulla base delle proposte del comitato Cambiamola, abbiamo da sempre promosso un’alternativa, condivisa anche da altri attori e istituzioni del territorio, basata sulla riqualificazione dei principali assi viari già esistenti, come la ex-statale 525 che attraversa Dalmine o la ex-statale 42: è su queste infrastrutture che bisognerebbe investire, con interventi ormai attesi da anni, come le tangenziali di Verdello e di Boltiere, o le rotonde di Dalmine, in modo da impiegare in maniera più efficace ed efficiente le tasse dei cittadini e migliorare davvero la condizione dei pendolari.

Le possibili riqualificazioni nei comuni lungo l’asse Bergamo Treviglio [rielaborazione grafica di Nostra Dalmine partendo dalle mappe di Cambiamola]

Questo senza citare il risparmio di terreno agricolo che si potrebbe ottenere preferendo la riqualificazione dell’esistente, rispetto alla costruzione di una nuova impattante arteria stradale, e la salvaguardia della salute dei cittadini dei comuni interessati, già sottoposti ad elevati livelli di inquinamento, soprattutto se i risparmi ottenuti dalla mancata realizzazione della costosa nuova autostrada fossero invece dirottati in investimenti per il miglioramento del trasporto pubblico locale e ferroviario.

Per non perderti questa e altre notizie su Dalmine, iscriviti alla nostra newsletter mensile:

Tutti gli articoli sulla Bergamo-Treviglio:

11 dicembre 2016: NO IPB: il nostro impegno per una mobilità sostenibile

6 novembre 2018: Perché la superstrada Bergamo-Treviglio non serve

27 dicembre 2019: Perché si è tornati a parlare di Bergamo – Treviglio

3 settembre 2020: Regione Lombardia ha stanziato 130 milioni di euro per la superstrada Bergamo-Treviglio

28 ottobre 2020: Le ultime importanti novità sulla Bergamo-Treviglio (questo articolo)

6 commenti su “Le ultime importanti novità sulla Bergamo-Treviglio”

  1. La pochezza della politica destrorsa che, in un momento difficile come questo, quasi di sotterfugio ripropone un’opera dannosa che dopo 20 è superata….anacronistica. Per queste situazioni dovremmo scendere in strada ed opporci all’ennesimo scempio pensato e fortemente voluto solo da coloro che si ergono paladini del territorio bergamasco (con le felpe) ma che in realtà lo vogliono distruggere.

  2. Buongiorno.
    Sempre stata contraria a questa ennesima “autostrada” che non farà altro che creare disagi al nostro paese. Soldi buttati nell’ asfalto o nel cemento. Questa amministrazione è figlia della REA!! Si è fatta bella donando le mascherine alle scuole.Forse sperava che il resto passasse sotto silenzio….

  3. Bisogna evitare assolutamente questo ennesimo scempio, basta non se ne può più. Ma questi non si rendono conto del male che fanno. Solo per interesse di pochi, il resto della popolazione non vuole questa inutile autostrada!

  4. Basta inquinare il nostro territorio per fare l’interesse di pochi.
    Si parla tanto di impatto ambientale e consumo di suolo verde per continuare a cementificare a destra e a manca, non se ne può più di questa situazione, prima la A4 poi la Brebemi ora questa, ora basta ci volete ammazzare di smog ma il rispetto per l’ambiente dove è andato a finire, altro che paese verde tra un po’ sulle cartine vedremo solo grigio e questo sempre per l’interesse di pochi.
    Il mondo grazie a voi sta morendo e noi insieme a lui.

  5. Regione Lombardia pensa solo a cementificare i leghisti devono sparire da questa regione hanno fatto solo dei danni i risultati si vedono regione più i
    nquinata d europa

  6. La Lombardia è sotto attacco dei cementificatori della destra già da tempo con avvallo dell’associazione della coldiretti che da un lato fa finta di difendere i territori agricoli e dall’antro schiaccia l’occhiolino alla lega. Prima di fare lo scempio sarebbe opportuno riqualificare le strade esistenti e i mezzi di trasporto come i treni sulla tratta Treviglio Bergamo che sono fatiscenti e quasi sempre in ritardo o soppressi. A ragione il sindaco di Bergamo Gori di non volere l’autostrada a causa del forte inquinamento che produrrà nella città, che già è un problema attuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.