Il non-esperimento di via Pio XII

A fine maggio, lungo Via Pio XII sono stati fatti due interventi di modifica alla viabilità: la chicane e i parcheggi. Dopo 48 ore sono stati rimossi. La chiave è la condivisione.

Abbiamo visto tutti come le modifiche siano state osteggiate e criticate dai cittadini, probabilmente perché estemporanee, disorganiche e non condivise.

Ben vengano le sperimentazioni, soprattutto se volte a migliorare la sicurezza dei cittadini e fluidificare la viabilità. In questo caso, che non è isolato, è sembrata però mancare una visione completa e organica. Per modificare la mobilità secondo noi bisogna lavorare su dati oggettivi e in condivisione con i cittadini. Non si può cambiare la nostra città pensando solo marginalmente agli interventi: bisogna parlare con tutti noi utenti, dalle auto alle bici, dai pedoni al trasporto pubblico.

Vogliamo promuovere una circolazione efficiente delle auto su arterie principali, fluide e sicure. Individuare, invece, zone 30 e sensi unici su quelle secondarie. Segnare percorsi ciclabili sicuri e strategici. Creare attraversamenti sicuri e rialzati per i pedoni, nei punti ottimali. Questo però si può fare solo lavorando in condivisione.

Durante il consiglio comunale del 20 giugno, abbiamo chiesto alcune delucidazioni rispetto a quanto avvenuto in via Pio XII.

L’Assessore alla viabilità, Dario Carnevali, ha ammesso che la sperimentazione non ha sortito l’effetto sperato. Di conseguenza, il tutto è stato ripristinato rapidamente allo stato precedente. Il costo dell’operazione è stato di poco superiore a € 1.000.

Naturalmente, errare è umano e si può tornare indietro. Tuttavia, il ragionamento della Giunta è piuttosto bizzarro: da quando in qua, un esperimento dura appena 48 ore? È chiaro che Sindaco e Assessori hanno da subito compreso il sentiment negativo delle persone e sono “corse ai ripari”, pur di non perdere consenso.

Le politiche, come quelle sulla viabilità, si costruiscono con le persone, non si improvvisano dall’oggi al domani. È un modo diverso di lavorare, incentrato sulla condivisione e sullo scambio di idee. Crediamo sia un buon insegnamento, da cui speriamo questa Amministrazione tragga il meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.