Programma



Scarica il programma in PDF cloud_download

Questo programma è il risultato del lavoro di oltre quindici tavoli tematici promossi dalle liste civiche “Nostra Dalmine” e “Patto Civico Dalmine”, connesse in un Patto Generazionale che ha l’obiettivo di unire persone attive da molti anni sul territorio, con diverse esperienze ed età. Esso segue obiettivi concreti e al contempo idee nuove e fresche; competenza e lungimiranza, e al contempo coraggio per il cambiamento.

Dalmine è una città che non può accontentarsi di una normale amministrazione, o di buone, ma isolate, iniziative. Ha bisogno, al contrario, di una visione che le permetta di affrontare e ricomporre le sue tradizionali fratture. Dalmine può e deve superare la propria storia, senza dimenticarla, ma anzi partendo da essa, riuscendo finalmente a risvegliarsi come una vera città coesa, vivace e solidale.

Noi di “Nostra Dalmine” e “Patto Civico Dalmine” siamo convinti di poter raggiungere questo obiettivo con il sostegno attivo e partecipe di tutta la cittadinanza, concentrando la nostra visione su tre principali colonne, in grado di dare una nuova anima alla nostra città: Civismo, Ambiente, Università.






DA CITTÀ CHIUSA A CITTÀ APERTA

Dalmine è stata spesso amministrata in maniera distaccata e lontana, tenendo in poca considerazione le realtà sociali e associative del territorio. Noi, che proveniamo proprio da queste realtà e siamo liberi dai vincoli di partito, spesso limitanti, pensiamo invece che un’Amministrazione debba aprirsi a queste fonti di ricchezza per il tessuto comunitario, e coinvolgerle nel governo del territorio, in un’azione che sia la più condivisa e partecipata possibile.

Noi ci candidiamo ad essere questa Amministrazione.


DA CITTÀ GRIGIA A CITTÀ VERDE

Dalmine ha conosciuto una progressiva ed inesorabile cementificazione del proprio territorio, con ampi stravolgimenti, soprattutto negli anni più recenti. Crediamo che il tempo sia finalmente maturo per invertire questa tendenza. Dalmine ha bisogno di una linea di governo del territorio che sia il più sensibile possibile ai temi della sostenibilità ambientale e della tutela del verde, della promozione della mobilità dolce e del trasporto pubblico, del contrasto alla cementificazione e del sostegno alla riqualificazione urbana.

Noi ci candidiamo ad essere questa Amministrazione.


DA CITTÀ INDUSTRIALE A CITTÀ UNIVERSITARIA

Pensiamo che Dalmine debba stringere un nuovo legame con il polo universitario di Ingegneria. La presenza dell’Università offre straordinarie opportunità per tutti i cittadini, le associazioni e i commercianti dalminesi. Questo, a condizione che l’Amministrazione comunale possa governare questo cambiamento, dando vita ad un “patto” con l’Università che definisca in modo chiaro la collaborazione tra i due enti, nella maniera più vantaggiosa possibile per il territorio.

Noi ci candidiamo ad essere questa Amministrazione.

Il programma che segue, e le azioni in esso contenute, hanno dunque l’obiettivo di trasformare Dalmine in una città aperta alla società civile, verde e universitaria.


CANDIDATO SINDACO

Il nostro candidato sindaco è Fabio Tiraboschi.
26 anni, laureato con lode in comunicazione pubblica e d’impresa, lavora come direttore di progetto in un’agenzia pubblicitaria. Da sei anni, è coordinatore di Nostra Dalmine. Dal 2014 al 2017, è stato consigliere comunale e vicepresidente del consiglio comunale di Dalmine.

«Mi candido perché ritengo fermamente che Dalmine abbia bisogno di un’amministrazione innovativa, che segua le eccellenze del territorio. Sono un giovane che vuole essere protagonista dei cambiamenti che la società sta vivendo, e non un passivo spettatore. Credo che la politica sia il modo più efficace per cambiare le cose: a Dalmine, imprese ed istituzioni hanno già dimostrato di sapere rinnovarsi ed innovare. Tocca alla politica dare un’azione progettuale seria e concreta. Chi ha preceduto ha operato nell’ordinarietà, sia per caratteristiche personali che per il naturale limite che vivono i partiti»


CANDIDATO VICESINDACO

Il nostro candidato vicesindaco è Valerio Cortese.
58 anni, sposato e padre di due figli, è stato per trent’anni manager nella grande distribuzione. Oggi è libero professionista. Da anni attivo nelle associazioni dalminesi, è presidente della consulta del volontariato dal 2013. Dal 2014 è consigliere comunale e dal 2017 ne è vicepresidente.

«È oggi necessaria una svolta coraggiosa ma consapevole, con i giovani protagonisti fin da subito (e non tra cinque anni). Sarà troppo tardi e si sarà perso tempo e forze per garantire un futuro migliore. E siamo certi che, noi che siamo oggi adulti, se sapremo operare sin da subito con lungimiranza, troveremo le condizioni per garantire una vita dignitosa e presente nella nostra città»


CANDIDATI AL RUOLO DI CONSIGLIERE COMUNALE

“Nostra Dalmine”

  1. Pinotti Roberto
  2. Bettazzoli Sergio
  3. Bettinelli Lorenzo
  4. Buonocore Mattia
  5. De Amici Anna
  6. Errico Francesco Maria
  7. Giupponi Alessia
  8. Maggi Giorgio
  9. Melocchi Alice
  10. Petrò Alessandro
  11. Poma Francesco
  12. Salemme Davide
  13. Sardo Francesca
  14. Sorti Ezio
  15. Turolla Greta

“Patto Civico Dalmine”

  1. Cortese Valerio
  2. Longhi Stefano
  3. Passarella Gianluca
  4. Benedetti Omar Santo
  5. Albergoni Giuseppe
  6. Coppa Ermelina Rosa detta Itala
  7. Foresti Pietro
  8. Santini Roberto
  9. Accardi Italo
  10. Colleoni Natale detto Lino
  11. Perico Fabiana
  12. Paris Giuseppe
  13. Dagani Roberta
  14. Apassiti Esposito Antonella
  15. Pedretti Anna Maria










Sostieni il progetto


Puoi farlo in diversi modi: partecipando attivamente alle attività del nostro gruppo, attraverso una piccola donazione oppure anche semplicemente condividendo con altre persone i nostri valori e quello che facciamo.