Verdedì 28: Plastic Free

Oggi nell’amata rubrica Verdedì 🌱 vi proponiamo un piccolo approfondimento sulla plastica. È inquinante? È nostra amica o nemica nel rispetto dell’ambiente? Si ricicla? Siamo qui per risolvere tutti i vostri dubbi… nel caso quindi ne abbiate non esitate a commentare qui sotto!


Nella società odierna, è quasi impossibile pensare di vivere senza plastica. La plastica viene utilizzata quotidianamente e, solitamente, in grandi quantità. Ma ci siamo mai chiesti, quale sia l’origine di questo materiale tanto utile quanto inquinante?

La plastica viene creata attraverso la lavorazione dei monomeri di petrolio assieme al metano. Da questo mix si crea una pasta molle, a cui vengono aggiunti coloranti e altre sostanze, al fine di conferirle le qualità desiderate. Infatti, esistono numerose tipologie e altrettanti numerosi impieghi della plastica:

1️⃣ Materie plastiche: sono riciclabili, poiché si compongono di polimeri “termoplastici” e “termoindurenti”. Alcuni esempi di materie plastiche sono le bottiglie dell’acqua, i bicchieri e le ciotole in plastica 🥛

2️⃣ Resine: sono riciclabili, poiché, come le materie plastiche, si compongono di polimeri “termoindurenti”. Alcuni esempi di resine sono il plexiglas, le vernici e il polistirolo 🎨

3️⃣ Gomme: si compongono di polimeri “elastomeri”. Si è scoperto recentemente come riciclare questa tipologia di plastica, quindi sono anch’esse riciclabili. Alcuni esempi di gomme sono le suole delle scarpe e le gomme delle automobili 👟

La plastica è un materiale riciclabile. L’uomo inquina nel momento in cui decide di non riciclare la plastica, disperdendo bottigliette, sacchetti, oggetti nell’ambiente. La plastica impiega secoli a decomporsi completamente, rappresentando un pericolo sia per gli animali, nel caso la ingeriscano, sia per l’ambiente stesso, poiché la decomposizione sprigiona dei gas tossici.

Nonostante la plastica sia riciclabile, è comunque preferibile evitarla completamente. Infatti, anche se si sceglie di smaltirla correttamente, il processo di riciclo è poco efficiente, poiché non permette la separazione delle varie tipologie di plastiche. Se non è possibile evitarla, ci si può’ comunque rifiutare di utilizzare plastica monouso e favorire l’uso di bioplastica. La bioplastica, infatti, si forma tramite la lavorazione di farine vegetali, che evitano la dispersione di gas nocivi nel momento dello smaltimento.

A Verdedì prossimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.