Porta Nord, e l’impatto sul commercio?

Questa settimana abbiamo aderito all’iniziativa di Patto Civico Dalmine, che ha presentato un’interrogazione all’amministrazione sulla fatidica Porta Nord.

Ti sei perso le puntate precedenti e non sai di cosa parliamo? Ecco il nostro super-riassunto su Porta Nord.

Questa volta, il focus dell’interrogazione non è tanto sul consumo di suolo, argomento già aperto in modo importante da una nostra precedente inchiesta, e sulla quale il nostro gruppo sta lavorando con grande attenzione, ma sull’impatto commerciale.

Infatti, l’urbanizzazione a Sforzatica S. Andrea porterà anche e soprattutto insediamenti commerciali. Le domande sorgono quindi spontanee:

  • Quante e quali attività commerciali apriranno sul territorio?
  • Qual è la compatibilità con il commercio di vicinato che è presente da anni a Dalmine?
  • Sono state coinvolte le associazioni dei commercianti dalminesi?

Le domande sono ancora più interessanti, se le inquadriamo in un contesto quale quello dalminese, dove un’inchiesta sul commercio a inizio 2016 evidenziava una situazione di particolare criticità per le attività economiche di vicinato sul territorio.

E dove l’amministrazione dichiara nel programma elettorale di mandato 2014-2019 “Va rivitalizzato il commercio di vicinato, in funzione del servizio nei quartieri e alle persone”, una posizione che continuamente l’Assessore al Commercio (Ciro A. Napoletano) ribadisce nei suoi interventi pubblici.

L’interrogazione completa si può leggere qui

La risposta dell’assessore


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.